GAL-MONGIOIE
      
 
piante del bosco
 
FAGGIO
Fagus sylvatica L.

"Fagus" da cui l'italiano "faggio" deriva dal greco "fagein" = mangiare,perché della pianta venivano consumate sia le foglie che i frutti

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE

Famiglia: Fagacee
Altezza: fino a 40 m
Chioma: stretta e conica, diventa rotondeggiante con l'estendersi dei rami
Tronco: dritto e ramoso
Corteccia: liscia, grigio argento
Foglia: verde scuro e brillante sulla pagina superiore, più chiara inferiormente; semplice, ellittica-ovale, con margine sinuoso e cigliato, lunga 5 - 10 cm
faggio
Gemme: sottili e appuntite, lunghe 2 cm, ricoperte da squamette coriacee e brune
Fiore: infiorescenze unisessuali. Fiori maschili in amenti ascellari, peduncolati, globulosi pendenti alla base dei giovani rami. Fiori femminili solitari o a 2, su un peduncolo rigido e tomentoso, chiusi da una cupola spinosa, non pungente. Impollinazione anemofila.
Fioritura: aprile - maggio. Inizia a fiorire verso il 40-60esimo anno di età
Frutto: (faggiola); noce di 1,5-2 cm a tre angolature, allungate, racchiuse da una cupola a 4 valve

ECOLOGIA

Ambiente: boschi, fino a 1400 - 1800 m di altitudine, terreno non acido, ben aerato e ben drenato, su suoli derivati da rocce silicee o calcaree. Predilige clima oceanico, temperato, è adatto ai climi con deboli escursioni termiche, buona piovosità ed umidità atmosferica anche durante l'estate; soffre per gelate tardive e forte vento.
Distribuzione: diffuso in quasi tutta Europa, dalla Spagna al Mar Nero, fino alla Scandinavia meridionale




A CHE COSA SERVE?

Legno: è semiduro, roseo, con raggi midollari ben evidenti, pregiato per il suo bell'aspetto e la facile lavorabilità; si usa per la fabbricazione di mobili, arredamenti, per l'industria artigianale per intaglio e tornio, per liste di pavimento. Nell'industria cartaria è pregiato per la produzione di cellulosa al bisolfito. E' ottimo combustibile
Frutto: è commestibile, usato come mangime per bestiame e maiali e anche torrefatto e impiegato come surrogato del caffè
Foglie: possono essere utilizzate come foraggio per gli animali. Forniscono un'eccellente lettiera
Usi officinali: la distillazione del legno permette di estrarre il creosoto usato come antisettico, antinfiammatorio e balsamico delle vie respiratorie

 
 
logo unione europea
logo regione piemonte
logo gal mongioie