GAL-MONGIOIE
      
 
piante del bosco
 
FRASSINO
Fraxinus excelsior L.

"Fraxinus" l'etimologia del nome Ŕ controversa: un'ipotesi Ŕ che derivi dal verbo greco "frassein" = difendere, assiepare, per la chioma densa dell'albero

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE

Famiglia: Oleacee
Altezza: fino a 40 m
Chioma: alta allungata e arrotondata, con i rami ascendenti quasi verticali
Tronco: dritto, molto ramificato
Corteccia: grigio chiara, liscia da giovane, poi con una fitta rete di fessure verticali e pi¨ scura
Foglia: composta, imparipennata, lunga 20-30 cm, formata da 7-15 foglioline ovali lanceolate e finemente dentate, con breve picciolo, tomentose sulla pagina inferiore
frassino
Gemme: nere, larghe e appiattite
Fiore: unisessuale, poco evidente, in pannocchie erette, che compaiono prima delle foglie. Fiori maschili: formati solo da 2 stami, con antere rosse, riuniti in fascetti. Fiori femminili disposti come quelli maschili ma su rami diversi, da verdi a rossi. Impollinazione anemofila.
Fioritura: aprile
Frutto: samara allungata, di 2,5 - 5 cm, che da verde intenso diventa bruna

ECOLOGIA

Ambiente: spontaneo in Europa, nei boschi lungo gli argini dei fiumi, boschi misti erbosi, su suoli freschi, umidi e alcalini, fino a 1700 m di altitudine
Distribuzione: dall'Europa fino alla Scandinavia meridionale, all'Asia sud-occidentale

 

A CHE COSA SERVE?

Legno: pregiato, colore bruno e lucido, di facile lavorazione, usato per mobili, attrezzi sportivi, utensili. Del frassino sono apprezzate le radiche Usi officinali: le foglie preparate in infuso o decotto hanno proprietÓ diuretiche, antigottose e antireumatiche.

 
 
logo unione europea
logo regione piemonte
logo gal mongioie