GAL-MONGIOIE
      
 
piante del bosco
 
ROVERELLA
Quercus pubescens Willd.

"Quercus": deriva probabilmente dal celtico kaer quer = bell'albero, l'aggettivo "pubescens" = pubescente, si riferisce alla pelosità delle foglie giovani

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE

Famiglia: Fagacee
Altezza: albero o arbusto, fino a 15 m
Chioma: globosa, emisferica
Tronco: sinuoso ed eretto; rami orizzontali. Rami giovani con pelosità diffusa
Corteccia: grigio scura, fessurata in piccole placche ruvide
Foglia: semplice, lobata, di forma ovale, pubescente sulla pagina inferiore, con picciolo di 1 -1,5 cm, lunga 5 - 10 cm. Le foglie secche rimangono sull'albero durante l'inverno, cadono quando spuntano le foglie nuove
roverella
Fiore: unisessuali. Fiori maschili in amenti lassi e pendenti di 4 - 6 cm. Fiori femminili solitari o a gruppi di 2 - 4, sessili o con peduncolo breve. Impollinazione anemofila. Fioritura: aprile-maggio
Frutto: (ghiande) noci ovali allungate, di 2 cm, con una cupola che le ricopre fino a metà, con piccole scaglie pelose

ECOLOGIA

Ambiente: boschi e dirupi assolati ed asciutti, si adatta a terreni calcarei ed aridi, colonizza ambienti denudati, fino a 1000 m
Distribuzione: diffusa nell'Europa meridionale e centrale, in un areale che va dai Pirenei, alla Germania meridionale, ai Carpazi

 

A CHE COSA SERVE?

Legno: resistente usato per la costruzione di utensili e parti soggette a sollecitazioni, travature e costruzioni navali. Buono anche come combustibile
Corteccia: contiene un'elevata quantità di tannino ed è stata impiegata nella concia delle pelli, perché ne impedisce la putrefazione. I tannini sono impiegati inoltre per la preparazione di inchiostri
Frutto: le ghiande vengono utilizzati per l'alimentazione degli animali e, in tempi di carestia, anche dall'uomo, tostate per ottenere un surrogato del caffè
Usi officinali: la corteccia ha proprietà astringenti, antiinfiammatorie, antisettiche

 
 
logo unione europea
logo regione piemonte
logo gal mongioie