GAL-MONGIOIE
      
 
piante ornamentali
 
PLATANO
Platanus orientalis
L.

"Platanus": deriva dal greco e significa largo, con chiaro riferimento alla forma della foglia, simile al palmo della mano, con i 5 lobi che sembrano le dita

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE

Famiglia: Platanacee
Altezza: fino a 30 m
Chioma: largamente globosa
Tronco: eretto, a rami grossi ed incurvati
Corteccia: liscia, grigio - verde, che si stacca a placche sottili che lasciano grandi macchie giallastre
Foglia: semplice, palmato-lobata incisa in 5 - 7 lobi, dentati, di 10 - 25 cm
platano
Gemme: coniche di colore rosso
Fiore: infiorescenze unisessuali. Fiori maschili ascellari. Fiori femminili a capolini globosi, terminali e con lungo peduncolo. Impollinazione anemofila. Fioritura: maggio
Frutto: infruttescenza sferica, diametro 3 cm, portate a gruppi di 2 - 4 su un lungo peduncolo, formati da acheni cilindrici con una corona di peli all'estremità

ECOLOGIA

Ambiente: eliofilo, cresce in boschi radi e ariosi, su terreni umidi e profondi
Distribuzione: originario della penisola Balcanica

 

A CHE COSA SERVE?

Legno: chiaro, semiduro, pesante e compatto, con anelli annuali ben distinti, ma di difficile fenditura; si usa in falegnameria, per tavolame e anche per carrozzeria, per mobili e lavori da tornio e intaglio; le radiche marezzate sono particolannente pregiate. Come combustibile dà legna da ardere di elevato potere calorifico e buon carbone. Nell'industria cartaria si può utilizzare per la produzione di cellulosa al solfito
Pianta ornamentale: viene coltivato in tutta Europa perché resiste all'inquinamento atmosferico, è quindi spesso impiegato per i viali cittadini; riesce a sopravvivere bene anche in spazi limitati e sopporta anche pesanti potature
Curiosità: i Romani e i Greci sostenevano che questi alberi tenessero lontani i pipistrelli, considerati animali del malaugurio, mentre i loro capolini, bevuti insieme al vino, erano ritenuti un antidoto contro il veleno dei serpenti e degli scorpioni, credenza viva fino al Rinascimento

 
 
logo unione europea
logo regione piemonte
logo gal mongioie