GAL-MONGIOIE
      
 
piante utili
 
KAKI
Diospyros kaki
L.

"Morus": deriva dal greco "Dios" = Zeus e "puros" = frutto, significa cioè "frutto divino"; "kaki" è il nome giapponese della pianta

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE

Famiglia: Ebenacee
Altezza: 4 - 12 m
Chioma: globosa, densa
Tronco: eretto, poi largamente ramificato
Corteccia: ruvida, bruna e divisa in piccole placche
Foglia: semplice, lucida sulla pagina superiore, pelosa su quella inferiore, ovale, acuta, lunga 10 - 15 cm, con il margine intero
 
kaki
Fiore: infiorescenze unisessuali. Fiori maschili giallastri, a tre, con stami numerosi. Fiori femminili con calice a 4 denti, corolla a 4 lobi. Impollinazione anemofila. Fioritura: giugno
Frutto: grandi bacche, diametro 10 cm, di color giallo-arancio, a superficie liscia

ECOLOGIA

Ambiente: adattabile a qualsiasi terreno, predilige suoli a ph neutro, non sopporta geli prolungati
Distribuzione: pianta originaria della Cina e del Giappone

 

A CHE COSA SERVE?

Usi officinali: la polpa dei frutti non maturi viene impiegata per la sua azione astringente, per la preparazione di prodotti per la pelle
Pianta ornamentale: fino alla fine del 1700 veniva coltivato come pianta ornamentale, poi nella seconda metà dell'800 furono importate dal Giappone specie pregiate e iniziò ad essere apprezzato anche per i frutti. Le cronache dell'epoca riportano che G. Verdi fu fra i primi italiani ad assaggiarlo e che ne rimase conquistato.
Non necessita di antiparassitari per crescere produrre i suoi frutti
Curiosità: per gli orientali è considerato l'albero delle 7 virtù:
1. La lunga vita; 2. La grande ombra; 3. La mancanza di nidi fra i suoi rami 4. La mancanza di tarli; 5. Il fatto che si può giocare con le sue foglie indurite dal freddo: 6. Dalle foglie crepita un bel fuoco; 7. Le foglie sono un ottimo concime per la terra

 
 
logo unione europea
logo regione piemonte
logo gal mongioie